Piscinas
Piscinas Piscinas Piscinas Piscinas Piscinas Piscinas Piscinas
Propriétaire de ce lieu ?

Connectez-vous pour modifier vos informations et accédez à vos statistiques détaillées.

Accédez à votre espace
La communauté mapstr
Enregistré par

155 utilisateurs

#Tags souvent utilisés
#Plage #Spiaggia #Beach #Spiagge #Nature
Ce qu'en disent les utilisateurs

"PARCHEGGIO 5€. DIFFICILE DA RAGHIUNGERE CON STRADE STERRATE. OK IN AGOSTO. Solo uno stabilimento e due chioschi (ma meglio portare da mangiare) Questa magnifica spiaggia è di una bellezza incontaminata. L’ampio nastro di sabbia dorata è stretto tra le acque del mare sferzate dal vento e una vasta distesa di dune punteggiate da arbusti verdi di macchia mediterranea. Queste dune imponenti, conosciute come il ‘deserto sardo’, raggiungono anche i 60 m di altezza. La spiaggia è segnalata lungo la SS126 ed è accessibile via Ingurtosu percorrendo una pista sterrata di 9 km. Una volta lasciata la SS126 in direzione di Ingurtosu, la strada scende attraverso una valle fiancheggiata da edifici diroccati e macchinari abbandonati appartenenti a un insediamento minerario del XIX secolo in rovina. Le strutture presso la spiaggia sono limitate, ma in estate uno o due bar sul mare dispongono di docce e affittano ombrelloni e lettini. Una meravigliosa oasi lontana da tutto: imponenti e sinuose dune di sabbia fine, calda e dorata, alte fino a 60 metri, modellate dal maestrale, si estendono dall’entroterra per vari chilometri sino a tuffarsi nel mare azzurro, sconfinato e lucente. Piscinas, ‘gioiello’ della Costa Verde - nel territorio di Arbus –, è simile a un dipinto orientale, un paesaggio che lascia senza fiato, una spiaggia imperdibile nella tua vacanza nell’Isola, inserita tra le più belle del mondo da National Geographic. Dopo aver percorso sentieri sterrati e sabbiosi, vedrai aprirsi all’improvviso la sua immensa e profonda distesa dorata, lunga sette chilometri. All’orizzonte azzurro del mare e del cielo si fondono, mentre le dune di sabbia brillante, dichiarate patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, si mescolano ai colori della macchia mediterranea. La vegetazione cresce rigogliosa: ginepri secolari dai rami contorti, lentischi e olivastri che formano piccoli boschetti e, in primavera, violacciocca, giglio di mare e papavero della sabbia. Qui, ogni tanto, si aggira il cervo sardo, mentre sulla riva depongono le uova le tartarughe marine. Le sue dimensioni permettono sempre un tranquillo isolamento. Non a caso, un ampio tratto (800 metri) è divenuto ufficialmente dal 2018 la spiaggia naturista più grande in Europa. In più, i centri abitati sono molto lontani e le strutture ricettive sono poche: un campeggio e un albergo a ridosso delle dune. Nell’arenile troverai due panoramici chioschi-ristorante e potrai noleggiare attrezzatura balneare, canoe, pattini e gommoni. L’area di sosta è attrezzata anche per i camper. Il fondale limpido è quasi subito profondo, con una conformazione a gradini: da un minimo di due-tre metri arriva presto a decine di metri. In immersione esplorerai il sito dove ‘riposa’ da tre secoli, a 200 metri dalla riva, il relitto di una nave inglese. Le foci di due torrenti attirano vicino alla riva pesci in caccia di muggini. Per gli appassionati di pesca surf casting sarà un piacere sapere che mormore, ombrine e orate ne popolano le acque. Il mare selvaggio della Costa Verde raramente è calmo, sempre da rispettare. Il vento costante alza onde lunghe e alte, rendendolo meta di surfisti: windsurf, kite e surf da tavola sono praticati qui anche d’inverno"

@emanuele.brisciani

"à faire absolument en prévoyant le pique-nique"

@jadedibot32

Autres lieux à voir autour
La meilleure expérience Mapstr est sur l'application mobile.
Enregistrez vos meilleures adresses, partagez les plus belles avec vos amis, découvrez les recommendations de vos magazines et influcenceurs préférés.